Rassegne TV: The Young Pope di Jude Law, un mix da cartone animato di cattivo e santo

Gli uomini di stoffa con i piedi d'argilla diventano riconoscibili in The Young Pope, mentre gli uomini in uniforme danno un assaggio degli effetti traumatici della guerra in Six

Jude Law (sopra) interpreta un Papa che sembra essere in parte il cattivo di Bond e in parte il santo in The Young Pope. Foto: HBO / Instagram





L'idea stessa di uno spettacolo sul mondo della politica vaticana suona un po 'sacrilega.

Ancora Il giovane papa è stato un successo nell'Italia prevalentemente cattolica, dove gli spettatori non ne hanno mai abbastanza di Jude Law nei panni dell'immaginario Pio XIII, un nuovo pontefice non ortodosso la cui imprevedibilità sconcerta il suo clero e il suo gregge.

lo smirnoff ti fa ubriacare?

Ci sono alcune cose in questo spettacolo del regista premio Oscar Paolo Sorrentino ( La grande bellezza , 2013) a cui puoi immaginare il più devoto fare eccezione.

lowes porta la vernice ralph lauren?



Per cominciare, immagina il Papa, insieme ad altri ecclesiastici anziani, come spietato, assetato di potere, ipocrita, narcisista e vendicativo, e suggerisce che potrebbe dubitare dell'esistenza di Dio.

Ma forse questo è ciò che ha colpito gli spettatori italiani, perché mostrare uomini di stoffa con i piedi d'argilla li rende anche infinitamente più riconoscibili, e il talento di Sorrentino per i dettagli stravaganti, l'esagerazione comica e la cinematografia spigolosa li rende estremamente guardabili - il fumo provocatorio del Papa e la dipendenza da Cherry Coke Zero, per esempio, conferisce una vivida intimità a questo mondo.

Per i cattolici progressisti, guardare la sequenza di apertura del pilota, in cui il Papa sogna di fare un sermone scandalosamente liberale o di vederlo agitare pomposi funzionari della chiesa, potrebbe anche servire come appagamento del desiderio.



È interessante notare che Sorrentino afferma che il personaggio ha delle basi in effetti: esperti vaticani gli hanno detto che dopo un populista progressista come Papa Francesco, i cardinali potrebbero eleggere qualcuno con idee radicalmente diverse.

Questo Papa è dunque un ultraconservatore, sprezzante delle masse, pronunciando, per la sua prima omelia, un rimprovero di fuoco e zolfo che allontana le folle adoranti in Piazza San Pietro, a cui dice: Non so se mi meriti.

Dimensioni della casseruola da 1 qt

Ma è anche niente se non contraddittorio, imponendo un divieto mediatico di usare la sua immagine e silurando i piani per metterla su piatti da 45 € e altre merci che guadagnano una cifra oscena per la chiesa, che fa eco alla storia di Gesù che scaccia i soldi- cambiamonete dal tempio.



Dopo due episodi, è difficile dire dove stia andando lo spettacolo con tutto questo.

Già, ci sono allusioni preoccupanti che il personaggio di Law potrebbe diventare nient'altro che un pastiche di personaggi dei cartoni animati - in parte cattivo di Bond e in parte santo - e che gli scrittori potrebbero flirtare con l'idea che ha una vera connessione divina, il che lo farebbe. offuscare il bordo satirico.

Ma in questa fase, è abbastanza divertente e intrigante da restare in giro per la corsa.

Una scena di Six, sul famoso Seal Team Six dei Navy Seals. Foto: History Channel

Un altro nuovo spettacolo, Sei , è anche un'opera di finzione ispirata a personaggi straordinari: in questo caso, i membri del Seal Team Six, la squadra d'élite dei Navy Seals che notoriamente uccise Osama bin Laden.

Presumibilmente basata su missioni reali, la serie drammatica in otto parti inizia con una in Afghanistan che finisce male: Rip (Walton Goggins), il leader delle truppe un tempo fedele, scatta ed esegue sommariamente un uomo disarmato che si era arreso.

I suoi compagni di squadra lo nascondono, ma li divide. Rip poi parte per diventare un mercenario, ma pochi anni dopo viene catturato, insieme a un gruppo di studentesse, dal gruppo militante Boko Haram. I suoi ex compagni di squadra devono quindi unirsi per salvarlo, mentre Rip deve imparare ancora una volta a fare la cosa giusta.

spessore dell'isolamento batt r38

Agli scrittori viene attribuito il merito di aver approfondito la vita familiare dei Sigilli e di aver esaminato i problemi reali che soldati come questi spesso affrontano fuori dal campo: stress post-traumatico, vite familiari travagliate e lotta per sbarcare il lunario.

Oltre a ciò, tuttavia, i tre episodi in anteprima non sono ispirati.

bolla strega 2 livelli con bolle maledette

I primi 10 minuti o giù di lì dell'episodio 1 sono come un videogioco sparatutto e non in senso positivo: immergono gli spettatori in una scena di battaglia che hanno visto molte volte prima, senza contesto tranne una menzione superficiale di un terrorista di nome Mutaqi.

Lo spettacolo si basa chiaramente sull'idea che i Sigilli abbiano un legame e una cultura unici. Ma, ancora una volta, questo viene esaminato con poca immaginazione. Tutto ciò che ottieni sono i cliché dei film di guerra: battute tra tipi di maschi alfa con nomi come Orso e Buddha, scene di addestramento per la costruzione del personaggio e un montaggio goffamente modificato per mostrare Rip che si perde.

E non ti lascia più saggio su ciò che rende esattamente Seal Team Six così speciale.

Ci sono alcuni tentativi di affrontare le ambiguità morali della loro missione e tattica, ma gli scrittori sono troppo riverenti per trovare un punto d'appoggio critico o troppo cinici per mettere da parte la mentalità dei videogiochi.

Le rappresentazioni di Navy Seals in Zero Dark Thirty (2012) e Lone Survivor (2013) ha fatto di più in meno tempo, trasmettendo sia il caos viscerale della guerra che il contesto politico in cui operano gli uomini.

Senza quello, questo rischia di diventare uno spettacolo senza cervello che glorifica conflitti senza senso.

La versione originale di questa storia è stato pubblicato su The Straits Times il 26 gennaio 2017.