STORIA VERA: ho un matrimonio a distanza con un uomo di sette anni più giovane di me

Solo un mese dopo il matrimonio, dovevamo vivere separati

Immagine: Pexels





Ti manca tuo marito?

È la prima cosa che le persone chiedono quando scoprono che attualmente vivo a 6.000 miglia dall'uomo che ho incontrato, di cui mi sono innamorato e sposato durante un periodo di quattro anni a Singapore. Ora sono tornato nella mia città natale in Norvegia, mentre lui è con la sua famiglia nelle Filippine - ed è passato più di un anno da quando ci siamo salutati all'aeroporto internazionale di Manila Ninoy Aquino. Quando devo fare chiacchiere con le persone, la domanda sulla mancanza di mio marito è quella che temo di più. Temo che se mi ci metto davvero, non sarò in grado di tenere a freno quanto sia difficile la separazione.

La nostra attrazione era una lenta combustione

Immagine: 123rf

come ottenere risposte vantaggiose



Ho lasciato la mia vita in Norvegia per conseguire una laurea a Singapore. Trasferirmi all'estero era nella mia mente da molto tempo e avevo raggiunto un punto della mia vita in cui mi sentivo finalmente aveva le finanze e maturità emotiva per fare il salto. In quanto vietnamita di origine norvegese, volevo anche provare a vivere in un paese in cui non ero ovviamente una minoranza. Singapore, una città asiatica di lingua inglese, ha spuntato quella casella. Da solo in una città straniera, ero pronto a inseguire nuove esperienze senza essere ostacolato da aspettative familiari o sociali. Stavo anche superando il crepacuore che mi aveva afflitto per un anno, e grazie a Tinder , Stavo raccogliendo i frutti di vivere in una città cosmopolita senza carenza di uomini interessati agli appuntamenti casuali.

A un anno dall'inizio della mia permanenza a Singapore, Nick * è entrato nella mia vita.

Ci siamo incontrati in un gruppo corale di un club della comunità a cui eravamo entrati entrambi. Avevo 27 anni, mentre Nick ne aveva 20 e avevo appena finito il servizio nazionale. Aveva una personalità estroversa e non mi ha fatto una forte impressione perché sono naturalmente più introversa. Ho sentito che era interessato, ma l'ho trovato troppo amichevole e la sua energia poteva essere estenuante per essere in giro. Ma immagino che la vita accada. Dopo un paio di mesi di riunioni regolari durante l'allenamento, mi sono scaldato con lui e ci siamo ritrovati a frequentare più spesso. Più tempo passavamo insieme, più mi rendevo conto che avevamo molto in comune, specialmente il nostro amore reciproco per i giochi, la tecnologia e tutte le cose nerd. Siamo diventati subito amici nonostante il differenza d'età , e infine, coinquilini: Nick è di Singapore, ma la sua famiglia si è trasferita nelle Filippine, da dove proveniva sua madre. Una notte, davanti a un paio di bottiglie di vino rosso e le repliche dei film di Star Wars (vedi, ti ho detto che eravamo dei nerd), siamo arrivati ​​a un punto in cui sapevamo di voler diventare una coppia.



Abbiamo capito fin dall'inizio che non sarebbe stato facile. Ma mi sono ritrovato a considerare Nick nei miei piani futuri a malapena un mese dopo la relazione. Singapore aveva cominciato a sentirmi come a casa per me, ed ero ansioso di restare anche se sapevo che trovare un lavoro sarebbe stata una lotta.

Nick, d'altra parte, non era sicuro che Singapore sarebbe stata parte dei suoi piani a lungo termine. Quella discussione non ha mai avuto inizio. Quando ho trovato un lavoro nell'editoria, è stato come se la decisione fosse stata presa per entrambi; proveremmo a farlo qui a Singapore.

Ero il capofamiglia, ma lui era il mio sostegno

Immagine: Pexels



Ma era più facile a dirsi che a farsi. Con un diploma di scuola superiore dalle Filippine e dopo aver trascorso due anni lontano dalla scuola, Nick ha avuto problemi a trovare un posto in un'università di Singapore. Ha contribuito alle bollette quando ha trovato lavoro, ma poiché la maggior parte dei suoi incarichi erano lavori temporanei non qualificati come l'inserimento di dati, l'assistente al dettaglio e il lavoro di magazzino, ho coperto la maggior parte delle nostre spese.

Non mi importava. Mi piaceva che ci fosse qualcuno a casa con me che mi accompagnava alla fermata dell'autobus la mattina ed era lì ad aspettarmi quando tornavo a casa dal lavoro. Non mi sono mai preoccupato delle norme di genere e non mi dava fastidio che Nick non fosse in grado di prendersi cura finanziariamente di me. Il supporto emotivo Ho ottenuto da avere un ragazzo che sta a casa è stato altrettanto importante.

Inoltre, nonostante fosse più giovane, era di gran lunga la metà emotivamente più matura della nostra relazione. I miei punti di forza (la mia capacità di pianificare in anticipo, pagare le bollette in tempo e assicurarmi di avere abbastanza carta igienica) erano pari alla sua capacità di essere schietto sui suoi sentimenti, pensieri e rimostranze quando si trattava del lavoro e della sua vita personale. Direi che la sua maturità ha compensato la differenza di età. In effetti, l'unica volta che sento la differenza di età è quando parliamo di cultura pop (Britney Spears e Westlife NON contano come musica antica) o di eventi storici (è nato poco prima delle Olimpiadi invernali del 1994 a Lillehammer, Norvegia).

Il secondo anno della nostra relazione e la nostra situazione non era cambiata. Ma la distanza dalla mia famiglia e dai miei amici cominciava a farsi sentire. Siamo andati in Norvegia per Natale, ma solo quando siamo tornati a Singapore ho sentito l'intensa perdita di un sistema di supporto. Questo, combinato con una crescita insoddisfazione dell'azienda Lavoravo per, ha portato alla nostra prima discussione sulla possibilità di lasciare Singapore. Nick avrebbe dovuto tornare a scuola nelle Filippine, poiché i corsi universitari in Norvegia sono tenuti principalmente in norvegese. Da parte mia, volevo avere una carriera stabile e sentivo che avrei avuto più opportunità se fossi tornato a casa.

Sposarsi per alleviare la separazione

Immagine: Pexels

Abbiamo iniziato a parlare del matrimonio come un modo per colmare la distanza incombente tra di noi. Stavo sfiorando i 30 anni e mi sentivo insicuro di non avere né una carriera di successo né un marito. In Norvegia, le persone tendono a sposarsi giovani. Ma ancora più importante, volevo che qualcosa di simbolico ci legasse insieme. Inoltre non avevo dubbi sul fatto che io e Nick fossimo in questo per il lungo raggio .

Sicurezza emotiva a parte, era una mossa pratica. Dopo aver finito la scuola, Nick potrebbe raggiungermi in Norvegia con meno problemi burocratici se fosse mio marito. Nick ha seguito l'idea e ci siamo sposati a novembre 2016. È stata una semplice cerimonia a cui hanno assistito solo nove dei nostri amici, prima di dirigerci verso un bar a Tanjong Pagar dove altri amici si sono uniti a noi per un drink.

Non tutti i nostri parenti stretti conoscono il nostro matrimonio, per una serie di motivi che non voglio approfondire. Mia madre lo sa, ma è consapevole che sono ferocemente indipendente e quindi mi lascia prendere le mie decisioni. Abbiamo intenzione di condividere la notizia con le nostre famiglie in una fase successiva, ma probabilmente quando Nick si trasferirà in Norvegia tra quattro o cinque anni. Allora possiamo avere un vero e proprio celebrazione del matrimonio .

Tuttavia, ricordo che quando il solennizzatore ci pronunciò marito e moglie, ci colpì l'assurdità della situazione. Qui ci stavamo per sposare, ma andavamo per strade separate il mese successivo. Come avremmo fatto a farlo funzionare?

La tecnologia non semplifica sempre la vita

Immagine: 123rf

quante calorie in un grande sorso

Seduto nella mia camera da letto nella mia città natale oggi, mi manca mio marito. È passato quasi un anno e stiamo lentamente cercando di capire come affrontare la realtà di un matrimonio a distanza. Durante i nostri primi giorni di distanza, ho cercato su Google senza fine per scoprire quali app sarebbero state perfette per le relazioni a distanza, cercare articoli sul perfezionamento della comunicazione e trovare hack su come superare questa gobba. Pensavo di essere pronto e armato per sopravvivere al calvario.

Essere appena sposati è già abbastanza difficile quando coinvolge due persone diverse che cercano di abituarsi a convivere. Per noi, la distanza ha semplicemente amplificato quelle differenze. Inoltre, non ha aiutato il fatto che le videochiamate - di solito una manna dal cielo per qualsiasi coppia in una relazione a distanza - ci ostacolassero piuttosto che aiutarci all'inizio.

Prima di separarci, abbiamo fatto promesse entusiaste Skype l'un l'altro ogni giorno - comodamente dimenticando che Nick ama l'intimità delle videochiamate, mentre io le detesto. Questo perché mi sento a disagio ad avere una fotocamera focalizzata esattamente sul mio viso e mi sento sotto pressione per prestare la mia totale attenzione alla persona sullo schermo. Quando mi distraggo, mi sento sempre in colpa.

Per un mese ho provato a rimandare il nostro appuntamento su Skype. Ma la nostra relazione è stata messa a dura prova quando Nick ha sentito che non gli stavo prestando abbastanza attenzione e abbiamo dovuto trovare un modo per aggirare le mie idiosincrasie. Nick ha deciso che il modo migliore per superare questo problema era che giocassimo allo stesso gioco per computer mentre eravamo su Skyp - questo può essere fatto da remoto fintanto che giochiamo sullo stesso server. All'inizio ero resistente - sono un giocatore solitario mentre Nick è un giocatore socievole a cui piace giocare con altre persone - ma alla fine ha ceduto quando ha trovato un gioco che potevamo divertirci entrambi.

Col passare del tempo, siamo riusciti in qualche modo a trovare un equilibrio. Scriviamo messaggi quasi ogni giorno e continuare a comunicare attraverso giochi che hanno una funzione di chat vocale, così possiamo giocare mentre chattiamo. A causa della differenza di orario di sette ore, Nick a volte mi manda una registrazione del suo gioco su altri giochi per farmi criticare - qualcosa che facevo anche quando vivevamo insieme. È il nostro modo di mantenere in vita alcune delle nostre routine precedenti, per darci una parvenza di normalità. Quando dobbiamo parlare di questioni più serie, passiamo a Skype. Abbiamo imparato ad adattare i modi in cui comunichiamo per adattarsi alla distanza.

Sono entrato in questo con idee fisse su cosa avrebbe funzionato in una sana relazione a distanza, ma ho capito attraverso prove ed errori che nessuno dei trucchi per un matrimonio perfetto per le immagini ha funzionato per noi. Abbiamo dovuto affrontare stranezze della personalità, abitudini, differenze di fuso orario, convivere con le nostre famiglie dopo anni di indipendenza e ostacoli tecnologici. Ma stiamo ancora andando forte.

Si tratta di fiducia e di andare avanti con essa

quanti soldi guadagna Lara Spencer?

Immagine: 123rf

La parte più difficile è avere a che fare con la consapevolezza che la nostra riunione è ancora molto più avanti di noi e non abbiamo i mezzi finanziari per farci visita più di una volta all'anno. Nick è entrato nell'università di sua scelta e sta leggendo informatica. Sto ancora cercando un lavoro a tempo pieno, ma me la cavo con piccoli progetti e concerti part-time .

Ad essere onesti, Nick mi manca di più quando esco a socializzare con le persone, perché inevitabilmente ho la sensazione che gli piacerebbe incontrare queste persone più di me. Nick è più abile nel mettere gli altri a proprio agio, e averlo intorno mi ha sempre tolto un sacco di calore quando si trattava di fare chiacchiere.

Mi mancano anche i numerosi modi in cui ha sempre cercato di rendere le mie giornate più fluide. Sono le piccole cose - come portarmi da mangiare quando ho lavorato fino a tardi, massaggiarmi lo stomaco quando ho avuto dolori mestruali o svegliarmi presto quando non doveva, solo per accompagnarmi alla fermata dell'autobus e passare un poco più tempo insieme. Mi manca persino il modo in cui mi chiama quando pensa che non sia giusto e, naturalmente, mi manca il conforto della sua presenza fisica.

Ho imparato che quando hai una relazione a distanza, tu non può concentrarsi su potenziali aspetti negativi . Ti farà impazzire. Ad esempio, non mi soffermo sulla possibilità che Nick infranga la mia fiducia. Entrambi siamo piuttosto rilassati, quindi non ci fissiamo regole di base per uscire con altre persone, né ci scambiamo un gioco per gioco di ciò che sta accadendo nel nostro giorno o nella nostra settimana. Invece di concentrarmi sugli aspetti negativi, scelgo di concentrarmi sugli aspetti della relazione che posso controllare, come mantenere la nostra comunicazione e assicurarmi di essere sempre aperti e onesti l'uno con l'altro.

Nessuno di noi può sapere cosa il futuro ha in serbo per noi, quindi preferisco non essere ossessionato dai what-if, ma provare piacere nel costruire un forte legame con la persona che amo, indipendentemente dalla distanza.

* Il nome è stato cambiato.

Questa storia è stata pubblicata per la prima volta nel numero di dicembre 2017 della rivista Her World.