STORIA VERA: Ho assunto una scorta sociale per essere mio 'marito' anche se ero sposato.

Una donna confessa di come ha ingaggiato una scorta sociale professionale per fingere di essere suo 'marito' e quanto le è piaciuto segretamente.



All'età di 36 anni, sono orgoglioso di avere una carriera di successo come banca di investimenti. Ho anche tre figli, una famiglia amorevole e conduciamo una vita molto confortevole. Ma tutto questo non è stato facile, ho dovuto faticare molto, soprattutto durante i primi anni in cui ho iniziato come rookie nel mondo bancario.



È stato al mio primo lavoro che ho incontrato mio marito Jeremy *, uno degli amministratori della società che gestiva un importante conto aziendale; oltre ad essere uno degli uomini più simpatici e gentili che avessi mai incontrato nel mio lavoro, era anche molto capace e di successo.



Una cosa tira l'altra e io e Jeremy siamo diventati una coppia. Presto si sparse la voce che eravamo un oggetto e che le lingue scodinzolavano al lavoro. Vedi, Jeremy aveva più di 10 anni più di me ed era in una posizione di alto livello, mentre io ero solo un principiante. Inoltre, Jeremy era tutt'altro che bello - era basso, sovrappeso e calvo - mentre io ero snello, alto e molte persone dicevano addirittura che somigliavo a un modello. Non c'era da meravigliarsi che le persone parlassero di noi, a causa di questa disparità.

Nonostante tutto, mi sono sposata con Jeremy e abbiamo avuto tre figli meravigliosi. Ero felice e non avevo nulla di cui lamentarmi ... beh, tranne una cosa. Questo è qualcosa che ho tenuto per me e non l'ho mai detto a nessuno.

come trovare ordini nascosti su amazon

Nel mondo dell'investment banking, partecipiamo a molti eventi di networking. La maggior parte di queste sono feste sfavillanti e cene di gala in cui tutti si presentano vestiti a festa. Ho partecipato a molti di questi con Jeremy, sia prima che dopo che ci siamo sposati.



Non importa quante volte ho partecipato a tali eventi, una cosa non è mai venuta meno a me. Mi sentivo a disagio ogni volta che venivo presentata come la fidanzata o la moglie di Jeremy. Anche se potevo vedere che gli altri cercavano di essere educati, potevo percepire cosa stavano pensando osservando la loro espressione.

Amo molto Jeremy, ma non ho potuto fare a meno di vergognarmi un po 'del suo aspetto. Inoltre, sono abbastanza sicuro che molte persone abbiano parlato alle nostre spalle, probabilmente dicendo che devo averlo sposato per via dei suoi soldi. La verità è che sono arrivato dove sono non grazie a lui, ma attraverso il mio duro lavoro.

Fu a una cena di gala in Corea, alla quale Jeremy non poteva partecipare, che decisi di assumere un marito per accompagnarmi. Jesse * era un'escort sociale professionale che ho trovato online: il suo profilo affermava che era aperto a interpretare qualsiasi ruolo volessero i suoi clienti, che fosse come fidanzato, fidanzato o marito.



Alto e bello, Jesse parla correntemente diverse lingue poiché è per metà coreano e per metà americano-cinese. Era il mio marito perfetto! Quella notte è stata la migliore esperienza che abbia mai avuto; anche se era tutto finto, mi sentivo a mio agio e orgoglioso che Jesse e io ci stessimo tenendo per mano. Ho particolarmente amato gli sguardi invidiosi che ho colto molte persone che ci lanciavano mentre scivolavamo da un tavolo all'altro.

Anche se mi è piaciuta la compagnia di Jesse, è stata l'unica volta che l'ho assunto. Il mio settore è piccolo e non volevo rischiare che qualcuno parlasse di me alle mie spalle. Questa volta sono stato fortunato, ma potrei non riuscire a farla franca con quello che ho fatto di nuovo senza che qualcuno lo scoprisse. Ma sono così tentato ...

Non credo ci fosse niente di sbagliato in quello che ho fatto, dal momento che tecnicamente non stavo tradendo mio marito. È stato un atto di inganno, ma nel mio lavoro, l'immagine e lo status sono importanti: è tutto! Forse un giorno supererò il mio disagio con l'aspetto di Jeremy. Dopotutto, alla fine invecchieremo tutti.

Questa storia è stata originariamente pubblicata nel numero di dicembre 2015 del Singapore Women’s Weekly.