Recensione del film: Tinker Tailor Soldier Spy

Tinker Tailor Soldier Spy è un film di spionaggio intelligente ed elegante con un cast stellare e scatti incorniciati ad arte



Tinker Tailor Soldier Spy (2011), 127 minuti
Dir. Tomas Alfredson. Nel cast Benedict Cumberbatch, Gary Oldman, Tom Hardy, Mark Strong, Colin Firth

Un uomo tradito, colpito alla schiena in una missione top-secret all'estero. Ma chi è la talpa responsabile di questa fuga di informazioni?



Tuffati nel vivo in questo thriller di spionaggio della Guerra Fredda con Tinker Tailor Soldato Spia . Con la sua trama fitta e la stenografia spia, Tinker potrebbe non essere il film più facile da seguire, ma la tua costante attenzione sarà più che ben ricompensata.

Tinker Tailor Soldier Spy: Gary Oldman, fotogramma del film Tinker Tailor Soldier Spy, scena del film

Fotogrammi di film da Tinker Tailor Soldato Spia



Gary Oldman interpreta George Smiley, il veterano di questo gioco di spionaggio. Per scoprire la verità dietro una missione fallita, Smiley esce dal semi-pensionamento e torna al Circus, il centro dei servizi segreti britannici.

L'Oldman infinitamente guardabile trasmette la tranquilla intensità di Smiley in una performance abilmente sobria. Sempre calmo e imperturbabile in questo film, questa è una spia che si occupa abilmente e metodicamente con i suoi avversari; in sua presenza, gli avversari scopriranno che anche un intervallo di silenzio può diventare insopportabilmente teso.

I suoi colleghi più giovani, invece, faticano a mantenere la calma. Lo sfacciato Ricki Tarr – interpretato da Tom Hardy – vuole già uscire; pensa di aver trovato una causa più degna della sua occupazione. Peter Guillam di Benedict Cumberbatch, tuttavia, sceglie di rimanere coinvolto nelle indagini, ma a un prezzo. Dietro le porte chiuse, il suo aspetto distaccato si incrina, senza consolazione in vista.

Tinker Tailor Soldier Spy: Tom Hardy, scena del film Tinker Tailor Soldier Spy: Cumberbatch e Oldman, film

(Da sinistra a destra): Tom Hardy, Benedict Cumberbatch e Gary Oldman in Tinker Tailor Soldato Spia .
Tutte le immagini: Shaw Theatres



Tratto dal romanzo di John le Carré, Tinker Tailor Soldato Spia non ha nessuna delle drammatiche scene di inseguimento comuni in un film di Bond.

Ciò che lo rende così avvincente è la sua richiesta per il tuo coinvolgimento attivo con molti colpi di scena e svolte durante i suoi 127 minuti di durata. I tentativi degli spettatori di tracciare questa rete di intrighi rispecchiano quasi la labirintica ricerca di Smiley per il doppiogiochista.

Certo, questo rende il film impegnativo da guardare, soprattutto se non hai familiarità con il libro. Le scene sono piene di pause gravide mentre gli incontri fatali sono raccontati a bassa voce, tra le loro lente boccate di sigaretta.



Londra, in questo film, si veste di cupe sfumature scure, l'ambiente giusto per rappresentare quel clima di sospetto. Non ci sono chiacchiere inutili; nessuno si sofferma su queste strade.

Alla fine, tutti i pezzi vanno perfettamente al loro posto in una conclusione sbalorditiva, anche se gli spettatori con un occhio più acuto avranno scoperto la spia traditrice molto prima dell'epilogo.

Anche allora, è ancora una risoluzione soddisfacente. Individuare questi indizi e spunti lungo il percorso rende la tua visione un'esperienza più piacevole. Dopotutto, sono proprio i dettagli raffinati come questi che mettono questo film sulla Guerra Fredda in una sinfonia cinematografica ben composta.

Verdetto: 4/5. Un film di spionaggio intellettuale con recitazione stellare da un gruppo ben vestito.

Tinker Tailor Soldier Spy debutta il 9 febbraio allo Shaw Theatres.