Hai bisogno di un allenatore di salute?

Abbiamo provato un programma di sei settimane ed ecco cosa ne pensiamo

Foto: 123rf



Faccio esercizio almeno due volte a settimana e ho sempre pensato che questo mi abbia dato la licenza per mangiare quello che volevo. Quindi sono rimasto sorpreso quando Tisha Jaswantlal, fondatrice e lead coach di Wellness with Tish, mi ha detto il contrario durante la nostra prima sessione di coaching.

Ecco cosa fa un coach della salute. Non ti fa contare le calorie, né ti sopporta in palestra e ti costringe ad allenarti. Piuttosto, si concentra sul cambiare la tua mentalità verso il cibo, il benessere e l'esercizio in modo da poter raggiungere i tuoi obiettivi di salute.

La dieta è molto più importante di un esercizio di routine, ha spiegato Tisha. Ciò che mettiamo nel nostro corpo influisce sulla nostra salute su scala molto più ampia. Sentendo ciò, ho deciso che il mio obiettivo a lungo termine sarebbe stato quello di sviluppare migliori abitudini alimentari e mantenerle. Vedi, tendo a gravitare verso il comfort food, che significa pasta cremosa e un secchio di dessert. Se un allenatore della salute potesse eliminare quella dipendenza dal mangiar consolatorio, ero assolutamente d'accordo. Quindi mi sono iscritto a un programma di sei settimane per vedere se mi avrebbe aiutato ad abbandonare alcune delle mie cattive abitudini.

le schede SIM memorizzano le foto?

tramite GIPHY

Avevo pensato che Tisha mi avrebbe semplicemente detto cosa avrei dovuto e cosa non avrei dovuto mangiare. Ma da lei ho ottenuto molto di più. Mi ha dato una formazione su nutrizione, fitness e benessere, ad esempio su come gestire lo stress e sviluppare migliori abitudini di sonno.

Ogni settimana si presentava a casa mia e mi accompagnava in un corso accelerato su densità calorica, acidi dietetici, oli raffinati e altro ancora. Mi ha insegnato che il cibo non è solo buono o cattivo: tutto è in uno spettro, e solo comprendendo la scienza dietro di esso sarei in grado di ottenere un quadro più ampio di come determinati alimenti influiscono sulla mia salute. Le verdure, ad esempio, non sono un trainer. Ma ci sono zone grigie come i latticini, che ho imparato potrebbero avere proprietà infiammatorie.

Acquisire la conoscenza è stata la parte facile: il problema era metterla in pratica. Trovo difficile dire di no ai piatti che amo, che mi facciano bene o no. È qui che è entrato in gioco il coaching. Tisha ha lavorato con me per trovare obiettivi settimanali raggiungibili. Non si tratta di escludere determinati cibi o di eliminare improvvisamente le cose che ami mangiare, mi ha ricordato.

tramite GIPHY

Abbiamo fatto piccoli passi: tutto quello che dovevo fare nella prima settimana era mangiare una porzione di verdure grande quanto un palmo ogni giorno per soddisfare il mio fabbisogno quotidiano di fibre. Nella seconda settimana abbiamo aumentato il consumo di frutta e ho dovuto limitare il consumo di dessert a solo quattro volte a settimana. Presentavo rapporti su come stavo andando e ci scrivevamo spesso.

Avevo pensato che gli obiettivi settimanali sarebbero stati stabiliti da Tisha, ma è stato più collaborativo di così. Ha sempre cercato la mia opinione su ciò che era realizzabile, cosa che mi è piaciuta. Poiché sapevo esattamente come sarebbe andata a finire la mia settimana, potevo dirle se gli obiettivi erano realistici.

quanto pesa la mela media?

Un altro aspetto pratico del coaching è stato il rifacimento della dispensa e il tour del supermercato. Dopo avermi insegnato a leggere le etichette degli alimenti in modo da sapere cosa evitare, Tisha mi ha guidato attraverso il cibo nella mia cucina. Abbiamo guardato le etichette di quello che avevo e durante una visita al supermercato, mi ha mostrato marchi più sani per i cibi che amo, come il pesto e l'hummus. Così ho fatto un negozio di alimentari rinnovato e ho iniziato a portare i pranzi al sacco al lavoro, il che mi ha permesso di stare lontano dal cibo grasso nella mensa del personale.

Foto: 123rf

Abbiamo implementato un nuovo obiettivo di salute ogni settimana. Ho iniziato a ridurre gradualmente l'assunzione di carne rossa (che è ricca di grassi saturi) e latticini. Essendo una persona che non beve latte e mangia di rado yogurt o formaggio, ho pensato che avrei trovato il taglio dei latticini un pezzo di torta (o no). Ho sottovalutato la frequenza con cui compaiono latticini quando meno te lo aspetti. Ha fatto apparizioni cameo nei miei panini (ciao formaggio), nelle insalate (condimento cremoso) e, naturalmente, in qualsiasi cosa con il burro. E per quanto riguarda la carne rossa, la mia nemesi si è rivelata essere il maiale macinato. Non dico mai di no a spaghetti sfrenati o xiao long bao.

Entro la fine delle sei settimane, ero costretto a ridurre la carne rossa e i latticini a tre volte a settimana (tre pasti, non giorni). Certo, era difficile dire di no, soprattutto quando si trattava di mangiare fuori. Tuttavia, ho preso una nuova abitudine di fare scelte più intelligenti. Ad esempio, se sapessi che ho organizzato la festa di compleanno di un amico in un ristorante di bistecche, lo terrei nel mio programma alimentare per il resto della settimana. Guardare i menu online prima di andare a mangiare fuori mi ha dato un avvertimento su cosa aspettarmi. Ho anche trovato alternative, come lo yogurt al latte di cocco senza latticini. Questi tendono ad essere più costosi, ma erano prelibatezze piuttosto che parte dei miei pasti quotidiani.

i cani possono avere arachidi tostate al miele?

Foto: 123rf

I risultati sono stati ripagati: mi sono sentito più leggero e più energico. Portare il pranzo al sacco al lavoro significava che non ero più svenuto alla scrivania in coma alimentare e mi ritrovavo più motivato a fare esercizio. Ho aumentato i miei allenamenti a due volte a settimana da solo, e i miei amici e colleghi hanno iniziato a commentare che sembravo più snella e più tonica. Le mie aree problematiche sono lo stomaco e la parte superiore delle cosce e ho potuto vedere una differenza visibile nella riduzione del grasso. Le bilance non riflettevano questo, ma Tisha mi ha assicurato che i muscoli pesano più del grasso. Era vero: qualunque cosa dicesse la bilancia, potevo dire che il mio corpo era cambiato.

Ma ecco un avvertimento: ti sentirai così bene solo quando sarai coerente. Quando ho ignorato i miei obiettivi e ho mangiato male per un fine settimana, mi ha colpito come una tonnellata di mattoni la settimana successiva. Mi sentivo più irritabile, più stanco e diciamo solo che avevo una scarsa irrigazione nei sistemi intestinali.

Quindi, alla fine di tutto, ecco la mia opinione. Il tuo allenatore della salute non sarà la corsia preferenziale per un fisico in forma, ma ciò che otterrai è una revisione del tuo stile di vita e della tua mentalità e informazioni per aiutarti a lungo termine. Per me, questo è un motivo sufficiente per assumerne uno.

Qual è la differenza tra un coach della salute e un dietista?

Foto: 123rf

Un dietista:
1. Si concentra solo sulle diete e non su altri aspetti della tua vita personale. Ha svolto almeno un anno di formazione in ospedale e svolto un tirocinio clinico. Comprende condizioni mediche come la malattia renale.
2. È molto specifico sulle diete prescritte ai clienti, anche fino ai grammi, afferma Jaclyn Reutens, dietista clinico e sportivo e fondatore di Aptima Nutrition & Sports Consultants. I dietisti creano diete personalizzate in base a specifiche esigenze nutrizionali.

quanta potenza aggiunge un flowmaster?

Un allenatore della salute:
1. Adotta un approccio più olistico, che include le relazioni del cliente con il cibo e il suo corpo, il sonno, lo stress e lo stile di vita, afferma Tisha Jaswantlal.
2. Ha seguito un corso online di nutrizione e coaching di un anno. Cerca le certificazioni in cui il programma di formazione è stato approvato da almeno uno dei seguenti: ICHWC (International Consortium for Health and Wellness Coaching), ACE (American Council on Exercise) e NANP (National Association of Nutrition Professionals).

Tisha è un allenatore sanitario certificato dal Dr Sears Wellness Institute e ha anche un certificato in nutrizione a base vegetale della Cornell University. Un programma di sei settimane con lei costa $ 599. Visita www.wellnesswithtish.com.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta nel numero di febbraio 2018 della rivista Her World.