Le 10 migliori citazioni della madre di Joseph Schooling che dimostrano quanto lei lo ami

Le cose che May Schooling ha da dire su suo figlio rivelano molto sulla sua personalità, sulla crescita degli anni e sul viaggio verso il successo.

Le cose che May Schooling ha da dire su suo figlio rivelano molto sulla sua personalità, sulla crescita degli anni e sul viaggio verso il successo.

May Schooling è diventata un nome familiare da quando suo figlio, Joseph Schooling, ha battuto Michael Phelps nei 100 m Men’s Butterfly per vincere la prima medaglia d'oro olimpica di Singapore ai Giochi Olimpici di Rio 2016. Ecco 10 delle sue citazioni più memorabili sul campione olimpico della nazione.



1 Sull'essere un genitore severo:

Se dice una parolaccia, gli darò uno schiaffo.

2 Sulle sue aspettative prima dei Giochi del Sudest asiatico 2015:

Se ottiene un argento o un bronzo, gli chiederò: 'Hai fatto del tuo meglio?' E se hai fatto del tuo meglio e hai perso contro un nuotatore migliore, va bene. Ma allo stesso tempo gli chiederò: 'Che cosa è successo!'

3 Sul rinvio del suo servizio nazionale per partecipare alle Olimpiadi:

Ho detto a Joseph che devi dare loro le munizioni per rimandarti ulteriormente.

4 Il suo personale applauso per lui:

Hubba, hubba, hubba, vai, Joseph, vai!

Leggi anche: 8 cose da comprare, mangiare e fare al festival dell'impresa sociale a Timbre + questo fine settimana

5 Sulle voci sulla sua ragazza:

È stato legato a così tante ragazze, ma questo non significa che abbia una ragazza.

6 Sul non andar piano con Giuseppe quando perde:

Dico: 'Se hai fatto del tuo meglio, allora è il tuo meglio, altrimenti devi solo sforzarti di più. A volte lo simpatizzo, ma cerco di non prenderlo in giro '.

7 Su come aumentare un campione:

Il bambino deve volerlo. Non va bene se solo il genitore lo vuole e lo spinge sul bambino ... Non funziona. Il bambino deve essere quello che decide e tu lo sostieni.

8 Sul suo amore per il nuoto:

Nel momento in cui poteva strisciare, non riuscivi a tenerlo lontano dall'acqua.

9 Sulla sua esperienza in collegio e su come era proprio come qualsiasi altro adolescente:

A 13 o 14 anni, non era pronto per essere indipendente… Nel dormitorio, quando ti svegliano, presumono che ti svegli e che tu vada per l'allenamento o la scuola, ma ovviamente torna a dormire.

10 Sull'assistere alla storica vittoria olimpica di suo figlio:

Tutti noi stavamo saltellando come scimmie.